E-BIKE GIUSTA PER TE. ECCO QUALE SCEGLIERE

E-BIKE GIUSTA PER TE. ECCO QUALE SCEGLIERE

Ci sono le bici elettriche pieghevoli, quelle da strada e le mountain bike elettriche. Ecco quali scegliere senza spendere una cifra eccessiva. Sono numerosi i modelli disponibili in commercio con un budget inferiore ai mille euro. I consigli del trasporto in auto.

Tante Le novità sul Mercato 

La scelta della bici elettrica dipende da molti fattori: il peso e la potenza della batteria, la presenza o meno di un sensore di rilevamento della pedalata e così via. Sono comunque numerosi i modelli disponibili in commercio con un budget inferiore ai 1000 euro (se si dovesse raggiungere la cifra tonda, si dimezzerebbe praticamente la spese con il bonus del governo). Ci sono bici elettriche pieghevoli molto economiche e non prestazioni eccellenti: per esempio, la Revoe Fly dispone di un motore da 250 W e batteria da 8 Ah con un’autonomia massima di 40 chilometri. Per essere una bici a pedalata assistita è davvero leggera: solo 14 chilogrammi. Sfruttando il bonus, si acquisterebbe con meno di 300 euro. Una di quelle più popolari sui siti di e-commerce, è poi la i-Fold 20, che una volta ripiegata occupa pochissimo spazio: anche in questo caso la batteria da 8 Ah garantisce un’autonomia media di 40 chilometri.

Poi ci sono le bici elettriche da strada e qui la varietà è enorme. Meritano di essere menzionate per la loro praticità la Florence di Momo Design e la Nilox J5, entrambe dotate di un display a LED che permette di regolare il cambio Shimano a 7 rapporti: montano un motore da 250 W, ma la prima ha una batteria da 10 Ah (l’autonomia dichiarata è di 70 chilometri), mentre la seconda una da 8 Ah che consente di percorrere in modalità elettrica fino a 55 chilometri.

Non mancano poi le mountain bike elettriche. Tra quelle a prezzi accessibili la Ncm Moscow che presenta un motore da 250 W e una batteria da 16 Ah in grado di offrire un’autonomia di 150 chilometri. Altro modello interessante a un prezzo contenuto è la Rockrider E-ST500, dotata di un motore con coppia di 42Nm a 250W e di una batteria da 11,6 Ah.

Ci si va Anche in Vacanza

Con l’estate e le vacanze alle porte cresce la necessità di trasportare la bicicletta elettrica in auto. MA come farlo in sicurezza? Quali sono gli strumenti e gli accessori più adatti? Il sistema più semplice è senza dubbio trasportare la bicicletta all’interno dell’automobile. Per farlo è necessario disporre di molto spazio, e generalmente viaggiare da soli o in coppia, in modo tale da poter abbattere la seconda fila di sedili e quindi avere a disposizione un ampio piano di carico tra bagagliaio e abitacolo. Può essere sufficiente togliere la sola ruota anteriore della bici, senza toccare la ruota posteriore, e quindi riporre la bici in sicurezza con il lato della guarnitura e del deragliatore del cambio rivolto verso l’alto.

Ci si va Anche in Vacanza
Ci si va Anche in Vacanza

Per fissare il porta-bici sul tetto invece si utilizzano le apposite barre porta-tutto, compatibili con la propria auto. In commercio esistono modelli di porta-bici che prevedono l’ancoraggio diretto della forcella anteriore (smontando la ruota, che sarà alloggiata in sicurezza in un apposito spazio riservato, oppure riposta dentro l’auto), oppure che ancorano la bici direttamente tramite il tubo obliquo, senza la necessità di togliere la ruota. Per ancorare una o più biciclette sulla parte retrostante dell’automobile esistono due diversi tipi di porta-bici: da portellone, e da gancio-traino. In entrambi in casi, per una maggiore sicurezza, la precauzione di fissare le bici al tetto dell’auto con una cinghia è buona norma.

Categorie:

© 2020 Guida E-Bike