IL GIRO-E: 3° EDIZIONE

IL GIRO-E: 3° EDIZIONE

Per questa terza edizione del Giro-E si prevedevano molte novità, che sono purtroppo rimandate al 2021, anche se girano voci di una possibilità di organizzare la competizione in ottobre.

LE NOVITA’ PREVISTE

Il Giro-E 2020 era stato presentato in occasione del CosmoBike Show, un evento dedicato agli appassionati del ciclismo. Questa competizione, la prima esperienza in bici a pedalata assistita, ha avuto già due edizioni, molto apprezzate per le grandi emozioni che regala. Oltre a vincere dei premi e a pedalare per le stesse strade del Giro d’Italia, si ha anche l’onore di venire in contatto con i professionisti del settore come Gianni Bugno o Fabiana Luperini, ma anche altri campioni di sport.

Dall’idea rivoluzionaria del 2018, non si pensava di arrivare fino a una terza edizione: da unico marchio di bici della prima edizione, la Pinarello Nytro, e un gruppo di 20 ciclisti, si è passati ai sei marchi e gli oltre 500 ciclisti nel 2019 e a un’aspettativa di 15 squadre per un totale di 90 ciclisti previsti per la terza edizione.

Paolo Bellino, Amministratore Delegato e Direttore Generale di RCS Sport, afferma: “Una crescita vertiginosa che ci riempie d’orgoglio e va di pari passo con l’esplosione del mercato delle e-bike. Il segreto? È un’esperienza unica perché si può vivere il Giro dall’interno, oltre a poter scoprire la bellezza del nostro Paese”. Tra le novità, oltre ad aumentare il numero di team coinvolti, diminuirà la lunghezza delle tappe, compresa tra i 65 e i 110 km, le cronometro sono due su un totale d 18 tappe, ci sarà più attenzione all’efficienza energetica delle squadre, e chi emetterà di meno, avrà in premio una maglia apposita. 

LE NOVITA’ PREVISTE
LE NOVITA’ PREVISTE

PAROLA AGLI ESPERTI

Roberto Salvador, Direttore del Giro-E, prima dell’emergenza Covid-19, dichiarava rispetto all’edizione del 2020: “Giunto al suo terzo anno il Giro-E sta trovando una sua collocazione e una sua autonomia all’interno del Giro d’Italia. Stiamo mettendo in campo un grande sforzo organizzativo che sono convinto darà i suoi frutti nel mese di maggio. L’edizione 2020 proporrà alcune importanti novità: tutte le partenze, tranne la tappa conclusiva, saranno diverse da quelle del Giro d’Italia e coinvolgeranno nuove città mentre gli arrivi saranno gli stessi della corsa dei professionisti; un’altra novità le tappe a cronometro, inoltre aumenteremo il numero dei team coinvolti e introdurremo nuove maglie tra cui la “Maglia Verde Efficienza Energetica”. Partenza il 12 maggio a Caltanissetta, in concomitanza con la quarta tappa del Giro d’Italia, e conclusione a Milano in piazza Duomo il 31 maggio. In mezzo tanta strada, bici ed emozioni”.

Anche la vincitrice di cinque edizioni del Giro d’Italia e tre Tour de France, Fabiana Luperini, ha affermato: “È una bellissima iniziativa perché permette a persone comuni di partecipare al Giro d’Italia. Affronti le salite dei campioni, percorsi che senza l’assistenza del motore sarebbero impossibili. Tagliare il traguardo dei professionisti è un’emozione unica. Tornare vent’anni dopo sulle strade che mi hanno vista protagonista è stata rivivere un sogno”.

Categorie: