Motori E-Bike

Motori e-MTB, quali sono le nuove tendenze?

Motori e-MTB, due tendenze dividono i produttori e gli appassionati: Potenza/Capacità Vs Peso/Linee

Le due più interessanti novità E-MTB della passata Eurobike sono andate in direzioni opposte. Forte, pesante e selvaggio oppure leggero, naturale e sottile?

Scegliamo il motore potente di TQ Systems o il motore minimalista Fazua? Queste due caratteristiche stanno personalizzando la stagione 2019. Haibike e M1 Sporttechnik da una parte e Lapierre , Bulls e Focus dall’altra. Specialized, che monta Brose, è in una via di mezzo. Cosa c’è dietro?

Motori E-Bike

Avanti tutta: TQ Systems

La TQ Systems è un’azienda tedesca che progetta e produce anche motori per il controllo dei satelliti moderni. La TQ mette in ombra tutti i motori di e-bike attuali quando si tratta della massima potenza. Con 120 Newton metri è il motore E-MTB più potente. In contropartita pesa circa 4,5 chilogrammi che non è sicuramente un peso piuma. Inoltre consuma molta elettricità. Questo aspetto porta le E-MTB che lo montano in una classe di peso elevato che va oltre i 25 chili, il che non favorisce un’esperienza di guida naturale e agile.

Haibike ha inserito nel 2019 in tutti i suoi modelli di punta il motore TQ estremamente potente in combinazione con una batteria da 630 Wh. Nonostante il telaio in carbonio, il peso complessivo supera i 25 kg.

Durante l’ultima edizione di Cosmobike a Verona abbiamo avvistato un prototipo Thok con il motore TQ

Less is more: Fazua

L’idea alla base della startup di Monaco di Baviera Fazua è quella di individuare una via di mezzo tra MTB ed e-MTB. Basso peso complessivo, nessuna possibilità di guida oltre il limite di 25 km/h e un’assistenza del motore naturale. La potenza massima è nettamente inferiore a quella della concorrenza come ad esempio di Bosch, Shimano, Yamaha e Co. La giovane azienda Fazua presenta il nuovo sistema motore Evation, composto da un motore centrale integrato e quasi invisibile rispetto alla maggior parte delle ebike in commercio. L’intera unità di azionamento può essere rimossa e si può utilizzare la bicicletta in modo normale a seconda delle esigenze, in questo caso il vano della batteria verrà chiuso con l’apposita copertura.

Motori E-Bike

La prima enduro completamente con unità Fazua proviene da Lapierre e si chiama e-Zesty. Il motore Fazua è compatto e leggero, pesa circa 4,5 kg fra motore, batteria e movimento centrale e consente un’integrazione ottimale nel telaio. Il peso generale del modello di punta si aggira intorno ai 16 kg, raggiunto grazie ad altri componenti in carbonio come cerchi Lapierre, manubrio e reggisella telescopico.

La potenza del motore è di 250W con coppia di 60Nm, la batteria da 36V ha un’autonomia di circa 50 km. Il modello e-Zesty punta sull’agilità di una MTB standard, con un sistema motore che permette di utilizzare la bici anche senza batteria, grazie ad una cover che copre lo spazio lasciato che mantiene intatto il design della MTB, rimane installato solo il piccolo motore invisibile

Motori E-Bike

Un compromesso: Brose

Anche il nuovo Motor Drive S Mag di Brose punta ad un peso ridotto. S Mag è infatti ancora più leggero grazie ad un alloggiamento in magnesio che permette una riduzione di peso di 500 g ed è più piccolo del 15% rispetto alla versione in alluminio. Anche questo motore mantiene la coppia massima a 90 Nm.

Così anche la nuova Levo di Specialized che lo monta vanta di una versione superiore del peso di 20 chili, nonostante le massime prestazioni.

371 Views 0
Paolo Ferrando
Paolo Ferrando

Guida di MTB. Insegno a scuola ai bambini. Membro Accademia Nazionale di mtb; del direttivo di FIAB Imperia e di un’ associazione sportiva ciclistica.

Lascia un commento

Contatti

Piazza Giovine Italia
+39 02 36587746
09.00 - 18.00

Iscriviti ora